accedi   |   crea nuovo account

desiderio

Docile alchimia sdraiata tra i miei pensieri,
papavero socchiuso e timoroso
che contiene una pioggia di stelle
apriti a questo uomo inerme,
a quest’ anima d’amianto che aspetta un tuo segno.

Dormirò questa notte sulle tue ciglia
attento a cogliere un tuo sguardo.
Lo farò mio, lo porterò a casa,
illuminerà la mia stanza
e riabbraccerò la mia ombra perduta.

Onda che sbatti tra cuore e stomaco
lasciandomi inebriato
come un marinaio ubriaco la sera,
parlami di nuovo della tua terra
e di tua madre che è bella come il mondo

Ti aspetterò ancora su questa riva
guardando la tua risacca
che mi illude ad ogni venuta.
Ti catturerò, ti berrò e ti masticherò
come uva fresca al mattino.

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 30/10/2013 05:18
    apprezzata, complimenti..

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0