PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Devo far ritorno

Più non son io
è uno star come sospeso, ma è un malessere
che non t'appartiene,
piano come fa lo ragno la su tela
m'han ricamato intorno questo velo
è li davanti a me e se finirci dentro è desiderio
d'altri, di certo me ne torno
passo passo da dove son venuto.
Io non ricordo come e neppur quando
si dice che si vada sempre avanti nella vita
ma non verso lo sbagliato
strada farò a lo contrario
finchè vedrò l'animo mio
la casa mia e la mia famiglia
costasse anche più del tempo perso
dubbi non è ho
la c'è quello che sono e abbandonar la via
per tener fede e non aver dei dubbi
nun m'appartiene.
Tutti finiamo al presso dun traghetto
ma se ci arriva un altro al posto mio
che fine mai farò
perso in un limbo d'altrui certezze.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 25/02/2013 06:49
    UN PREGNO DI MELANCONIA EVINTO DA UNA TRISTE REALTA' PERSONALIZZATA DA L'OSTILE SORTE... LA MIA COMPRENSIONE FRANCO

2 commenti:

  • Alessandro il 28/02/2013 00:33
    Esortazione a rientrare in se stessi dopo un periodo di smarrimento. Prenderne coscienza è il primo passo. Bella
  • loretta margherita citarei il 25/02/2013 07:13
    chi lascia la vecchia strada x la nuova, sa quel che lascia e nn sa quel che trova piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0