accedi   |   crea nuovo account

L'incurante

Non chiede permesso
la lama infuocata,
ardente si insinua
nelle carni dolenti
dispensando altro sangue.

Silenti pensieri
furtivi si nutrono,
errando lontano
ad afferrare altrui sguardo.

Non ode i lamenti
l'insensibile presa,
non avverte ferite
la vista incurante.

Amica la notte
tende la mano,
ma aghi di sale
solcano il volto
come dono alla luna.

 

3
6 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giulia Aurora il 19/10/2013 01:17
    molto simbolica e suggestiva lascia una alone di magia
  • Rocco Michele LETTINI il 25/02/2013 17:39
    Profonda nel suo intenso costrutto... un pregno d'acuto sdegno ne le avversitudine quotidiane... Apprezzata ne la tua libera considerazione...

6 commenti:

  • Spina il 24/11/2013 10:15
    Grazie mille per i commenti lasciati! Mi scaldano il cuore
  • Anonimo il 02/03/2013 06:51
    si sente leggendo che è scritta con il cuore i miei complimenti brava
  • Alessandro il 28/02/2013 00:31
    La notte consola a stento quelle ferite inflitteci dal cieco egoismo. Bella
  • Spina il 27/02/2013 10:37
    Grazie mille per i commenti lasciati. È una paesia scritta con il cuore! Un abbraccio a voi
  • Laura sansone il 27/02/2013 10:15
    Non ode i lamenti
    l'insensibile presa,
    non avverte ferite
    la vista incurante.
    Questi versi rendono perfettamente l'idea, dell'invisibilità a cui siamo, talvolta, sottoposti... bellissima davvero, complimenti!
  • gio porta il 25/02/2013 14:57
    Talvolta l'indifferenza fa più male dell'odio. Mi piace.