PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il battito dell'Urbe

Lo cielo de Roma
non ha indossato ancora
lo suo azzurro manto;
et uno rapace uccello,
sorvolandolo,
su de una guglia
de lo Vatican
se posa;
mentre tutto tace
eppur quiete
nun è.

 

l'autore Don Pompeo Mongiello ha riportato queste note sull'opera

Si riferisce all'evento storico papale, proprio di questi giorni. L'uccello rapace è l'impazienza del popolo romano e non, che cerca comunque di comportarsi con decoro.


5
4 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 03/03/2014 03:45
    Molto apprezzata questa tua.. complimenti.
  • Anonimo il 01/03/2013 20:21
    che bella metafora... la gente é buona solo a giudicare... bravo don
  • Rocco Michele LETTINI il 27/02/2013 21:50
    L'Urbe parla male... e tanti stentano a capirla...
    Politichese e Vaticanese: lingue biforcute...
    E lo cittadino patisce...
    Riflessivo versicolese Don

4 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 01/03/2013 12:56
    eppure l'uccello dovrebbe essere lo Spirito Santo... pronto ad eleggere un nuovo Papa... magari un Pietro II..

    Molto bella Don...

    ... tutto tace
    eppur quiete
    nun è...
  • Alessandro il 28/02/2013 00:09
    Un silenzio di tensione che avvolge la capitale, nei giorni in cui vediamo compiersi la Storia.
  • anna marinelli il 27/02/2013 18:08
    Don Pompeo, mio figlio ha scattato una foto con un gabbiano e la cupola di San Pietro sullo sfondo, se non si può definire rapace quel volatile, il testo gli sta a pennello! Bravo!
  • Anonimo il 27/02/2013 17:03
    Una quiete apparente che lascia presagire manovre sotterranee. Bravo don!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0