accedi   |   crea nuovo account

Ti seguirò

Ti seguirò a breve,
quando verrà la neve
col mio cavallo bianco
lo noterai in quanto
vi scorgerai sul fianco
scurissima la spada
che ti trafisse il petto
perché sotto quel tetto
parlammo di un altare
ove non seppi andare.
Ti porterò un vestito
prezioso e ben cucito
fatto di gioie e seta
con balze di cometa
di rose ben guarnito
Ti seguirò, a breve,
quando verrà la neve
lì dove tutto è lieve.
lì dove il ciel ti beve.

 

10
10 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 24/03/2013 12:11
    Quando si ama con autentico trasporto emozionale e col cuore intero, incessantemente l'anima segue, spesso, l'oggetto dei nostri desideri affettivi. Versi intensamente tristi che, pur elogiando la fedeltà dell'autore nel seguire tutto ciò che ha tradito il proprio amore, rivelano un dolore forte e grande nostalgia. La vita, purtroppo, ci insegna anche che non è possibile sempre seguire chi o cosa amiamo. Bellissimo componimento.
  • Anonimo il 02/03/2013 20:55
    Tutti seguiremo tutti, a suo tempo, e magari sarà in un modo diverso e lieve, proprio come la neve che ogni bruttezza copre e ogni rumore attutisce.
    Chi può affermare di aver fatto, o non fatto, qualcosa di cui poi ha motivo di ripensamento! Ma ogni scelta e ogni decisione va presa e valutata al momento e non dopo.
    Oggi, non siamo più quelli di allora e forse, pur rimanendo vero il ricordo, non può essere attendibile il ripensamento.
    Una poesia su cui riflettere molto. Bravissimo, come sempre, Ugo!
  • Rocco Michele LETTINI il 01/03/2013 18:56
    Mirabile ne l'intiero costrutto...

    ..."Ti porterò un vestito
    fatto di gioie e seta
    lì dove il ciel ti beve"... IL MIO PLAUSO UGO

10 commenti:

  • Anonimo il 17/03/2013 18:48
    Caro Ugo chiarissimoil concetto da te espresso nella tua stupenda poesia ma ricoridiamo che è il destino che scegli per noi e non siamo noi a scegliere purtroppo. Bravissimo come sempre. Un saluto. salvo
  • Giuseppe ABBAMONTE il 16/03/2013 10:13
    La rima baciata attenua appena il messaggio doloroso. Che esplode, ma con dolcezza, nell'ultima strofa.
    Mi sono commosso.
    Giuseppe
  • Jina Sunrise il 08/03/2013 22:22
    Leggo solo ora le tue... 'opere'... ! Continuo a far scorrere gli occhi sui tuoi testi. Intensi... J
  • Anonimo il 07/03/2013 09:51
    Poesia molto particolare, nostalgica, forse di rimpianto. Mi sono soffermata su queste parole "... che ti trafisse il petto perché sotto quel tetto parlammo di un altare ove non seppi andare..." Forse avrebbe desiderato che le cose fossero andate diversamente, ma forse doveva andare proprio così chissà Ugo!
    Caro Ugo, la poesia è splendida, i versi sono molto belli e toccanti.
  • Nicola Lo Conte il 03/03/2013 21:58
    Deliziosa e commovente...
    Molto piaciuta.
  • Anonimo il 02/03/2013 06:56
    intensa sentita lirica... grande poeta che ci regala sempre opere di spessore... ti seguirò "lì dove tutto è lieve dove il ciel ti beve" assorbiti dall'nfinito insieme... un abbraccio con affetto e stima
  • denny red. il 02/03/2013 03:49
    Bellissima Ugo, un amore che..
    quando verrà la neve
    con il mio cavallo bianco
    ti porterò un vestito..
    Splendida!! Ugo Bravissimo.
  • Vincenzo Capitanucci il 01/03/2013 14:55
    Bellissima Ugo... Ti aeguirò a breve... come un fiocco di neve portato dal vento.. in un cielo lieve..

    ... vi scorgerai sul fianco
    scurissima la spada
    che ti trafisse il petto
    perché sotto quel tetto
    parlammo di un altare
    ove non seppi andare...
  • anna marinelli il 01/03/2013 14:49
    Della serie: lettera all'amata che non riuscii ad amare.. bella amara e musicale!
  • Anonimo il 01/03/2013 14:48
    Forse un Amore andato "oltre" e che allora sfuggì tra le onde della gioventù impetuosa. Un momento di nostalgia e malinconia profonda, dolcissima e pacata. Versi di rose, di gioie preziose e di stelle quasi a consolazione di una promessa non mantenuta. La vita è andata e continua con altre gioie e dolori ma c'è sempre un angolo del cuore dove riposano come in uno scrigno prezioso gli affetti non trattenuti, sovente senza un vero perché. Struggente ma colma di serenità, ha il candore della neve che pare avvolgere tutto in un silenzio prezioso. Splendida, emozionante! Grazie.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0