accedi   |   crea nuovo account

Vado o vengo?

Urticante come l'ortica
ti irrito,
ma invece di grattarti
indirizzi le tue unghie smaltate blu di prussia,
verso di me.
Poi inizia la sfilata dei termini,
lo stile inciampa e cade,
volano i soggetti,
gli oggetti,
e i concetti
in un concerto di zampilli di saliva schizzata.
Bistrattato,
seguo il tuo parere,
vado a cercare il successivo,
per fare ciò che mi consigli mostrandomi la virtù di ciò che sta a metà,
poi ti volti esibendo la coppa,
la tua parte espressiva,
offrendo la possibilità di solere scendendo solo di qualche palmo,
ed io mi servo,
recuperando manciate di seta per agevolare l'ingresso,
ospite ospitato da chi l'ha cacciato,
da chi armato è rimasto colpito,
da sbattuto fuori a sbattendo dentro.
Un cambio di scenario,
di ardore, di calore e di colore,
persino le tue unghie, ora sono, rosa scioccante.
Ma sul finale, un quesito prende il sopravvento,
e domando,
vado o vengo?

 

2
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 20/03/2013 16:51
    NOTEVOLE! GRANDE USO DELLE PAROLE E FINE SORRIDENTE IRONIA...
  • Don Pompeo Mongiello il 07/03/2013 10:14
    Mi associo a Carla, anche per non ripetermi, non essendo bravo nel commentare, ma aggiungo i miei complimenti!
  • Gianni Spadavecchia il 07/03/2013 06:22
    Che dilemma, ben scritto attraverso questi versi. Piaciuta!
  • Anonimo il 03/03/2013 08:29
    un dilemma ben espresso e ben stilato in lirica... molto apprezzata

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0