PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Nel fango

Ragazzino, non fuggire
e non giudicare
chi ha giocato
sul ponte
fra il dolore e la vita,
fra l'elogio e la più pura
vergogna.

Te lo diranno i soldati
cos'è stato tuo padre,
cosa accadde nelle trincee
fangose di tedio...
te lo diranno loro il passato,
a me resta solo il presente:

Quando canto di te
lingue di cielo si sciolgono
in mille onde polifoniche e
fra i marosi più spaventosi
ritorno
sempre alla tua...
melodia.

 

2
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0