accedi   |   crea nuovo account

Bandiere rosse

Bandiere rosse nella polvere,
calpestate, oltraggiate,
strappate da orde di barbari
e da sciamani improvvisati
col ghigno beffardo dell'ignoranza.

Bandiere rosse come il sangue
di chi ha lottato per la libertà
versato lassù sulle montagne
sulla neve bianca dell'inverno
e sui prati verdi in primavera.

Bandiere rosse che garrivano al vento
nelle piazze stracolme di anime
anelanti ad ideali di giustizia e fratellanza
col pugno chiuso levato verso il cielo
e il sorriso di chi spera nel futuro.

Siamo vecchi, dicono i nuovi capi,
non ci son più le falci ed i martelli,
non più compagni e compagne tra la folla
a sperare nel sol dell'avvenire,
non più pugni chiusi ma mani avide di averi.

Non avete distrutto solo le bandiere
voi mercenari e schiavi del potere,
voi nuovi profeti del tanto sono tutti uguali,
ma la vita, il cuore pulsante di passione
di chi ancora crede in uguaglianza e libertà.

 

3
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • augusto villa il 10/10/2013 13:24
    Speriamo che portino via ancora qualcosa!!!... Per il bene della sinistra... Fino a lasciare solo gli ideali... Poi si riparte.
    Un po' di pulizia non fa male... eh del resto... non l'ha fatto la sinistra... l'ha fatto la destra.
    Occhio comunque alle bandiere... Non concentriamoci solo su di esse... ma concentriamoci su chi ci sta sotto...
    La sinistra ha sempre fatto fatica a fare un poco di autocritica... e questo l'ha fregata.
    Bella poesia comunque, mi ha fatto ricordare gli anni passati...
    ... ruggenti, troppo ruggenti. -------------
  • Anonimo il 04/03/2013 22:11
    Gl'ideali nostri <nessuno> può portarceli via. Ciao, Vincenzo.
  • Vincenzo Capitanucci il 04/03/2013 12:40
    Bellissima Vincenzo... purtroppo quelle bandiere rosse... così belle.. hanno tolto troppo di libertà individuale... quello stato che avrebbe dovuto dissolversi... si è chiuso in pugno.. diventando anche lui una tirannia.. non capitalista ma di stato..

    cmq avendo letto molte Tue poesie conosco bene la sensibilità e purezza del Tuo sentire..
  • Eugenia Toschi il 04/03/2013 10:47
    Il coraggio di alzare la propria bandiera... che non... ma rispetto. ciao.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0