accedi   |   crea nuovo account

Oltre il guscio

Virginea forma affresca il cielo muto;
bianca latte
la sagoma che il guardo può plasmare.

T'abbeveri all'immenso non vissuto,
ore intatte
d'un esule che osò fantasticare.

Lontano dal vociare sibillino,
dai palazzi,
infrangi il frale guscio di tua mente.

L'imago del pensiero peregrino,
ch'è dei pazzi,
scatena sdegno nella immota gente.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 06/03/2013 13:11
    Andare OLTRE IL GUSCIO per uscire fuori dal consueto pensare, denota coraggio ed un fervido senso dell'oltrepassare i limiti che il pensiero stesso, talvolta, impone al proprio sentire umano. Lo spirito e la mente, necessitano di spaziare in una dimensione incomprensibile ma, pur sempre esistente, a chi possiede un animo indagatore come quello dell'autore. Vincere la prigione della razionalità, navigando nel fluire dei sentimenti e delle emozioni, apporta ricchezza allo spirito. Una poesia introspettiva molto apprezzata e piaciuta, dall'inizio alla fine.
  • Anonimo il 05/03/2013 15:46
    Sentimenti e emozioni tramati in intense immagini, illuminati da dense metafore... Bellissima complimenti!!!
  • Rocco Michele LETTINI il 05/03/2013 06:05
    E IL MIO ENCOMIO DI MERITO ALESSANDRO... BRAVISSIMO COME SEMPRE NEL TUO POETAR E NE LI GRADITI COMMENTI...
  • Anonimo il 04/03/2013 13:55
    Misteri del sito: la recensione anonima ("Quando ti leggo" ecc.) è mia! Ciao
  • ciro giordano il 04/03/2013 12:19
    il linguaggio, per tua scelta, è formale e classico... Ma la sostanza della poesia è moderna, anzi direi senza tempo... molto piaciuta

11 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 05/03/2013 06:30
    Una poesia molto ben scritta e ammirata durante la lettura. Ti ripeto, ancora una volta, che sei bravo!
  • Rocco Michele LETTINI il 05/03/2013 06:03
    OLTRE IL MELANCONICO FALCIDIANTE... UNA POESIA MIRABILE PEL SUO ELENGANTE VESTITO METRICO CHE LO ESALTA NE L'OLIMPO DE LA POESIA PIU' COMPOSITA...
  • Anonimo il 04/03/2013 22:13
    Una realtà vissuta e non compresa magnificamente espressa in quattro flash. Bellissima Alessandro!
  • Don Pompeo Mongiello il 04/03/2013 17:11
    Un bel poetare pulito e d'altri tempi. Bravissimo!
  • gio porta il 04/03/2013 14:19
    Aldilà dell'involucro... il mistero!!!
  • Anonimo il 04/03/2013 14:18
    bei versi, un cielo che in virginea luce e forma par affrescato... immenso non vissuto silente, e l'immagine del pensiero isolato e dieversamente elaborato, a volte intraprendente, per gli altri ... proprio dei pazzi... sublime e bellissima lirica applaudo con piacere
  • Anonimo il 04/03/2013 13:52
    Quando ti leggo torno ai tempi in cui scrivevo la tesi su Corazzini e studiavo i Crepuscolari, confrontandoli con D'Annunzio, Pascoli e i simbolisti francesi (Lafourgue e Jammes, in particolare).
    L'atmosfera sospesa di questa poesia, in ogni caso, mi piace molto. Nell'involucro di un linguaggio desueto, primo-novecentesco, esprimi uno spaesamento del tutto attuale. Bravo!
  • anna rita pincopallo il 04/03/2013 12:28
    stupendamente bella bravissimo
  • Vincenzo Capitanucci il 04/03/2013 12:16
    Che bello infrangere il guscio della mente... come gusci di noce.. a trovare il pazzo saporito gheriglio... di un pensiero peregrino..

    Bellissima Alessandro... fantastica sempre...
  • augusta il 04/03/2013 11:25
    come sempre bravo alessandro... 1 beso
  • Anonimo il 04/03/2013 11:18
    Fantasticare guardando il cielo e le sue nuvole... non è da pazzi Alessandro ma degli uomini che per fortuna non sono solo razionalità. Elegante, dal sapore classico ed erudito!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0