PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Donne, il cui viso

Donne, il cui viso ricorda antiche tele
chine sulla terra rossastra
riempiono il paniere dei frutti oleosi
che i miti ulivi
lasciano cadere.

Il vento di tramontana
che quasi spacca il viso
soffia sulla stroma
ed esse, chine sul loro bottino,
si accendono il cuore con un canto
una nenia, uno stornello
che pare pianto.

La lunga chioma
stretta in doppi serti
è trattenuta in ampi fazzoletti,
che catturano le briciole di un sole
novembrino.

Il volo degli uccelli
che anelano primavere lontane
fa levare al cielo lo sguardo
che in seguito si perde
dietro un sogno.

Il vento sussurra tra le foglie amiche
parole d'amore dapprima mai udite.
e un dardo di sole ferisce il cristallino sguardo
che incarna innocenze ereditate.

Sulla terra vermiglia, qualche antica conchiglia
emana echi millenari, ed esse le guardano stupite,
che son troppo poco erudite.

Il pane in una tasca e nell'altra il rosario
attendono, celando l'ansia
che l'ave Maria risuoni per l'aria.

E il disco solare, finalmente, discende
e si colora come purpurea gota
che un sorso di primitivo
sottrae alla ruga precoce
che in agguato, del volto
ne vorrebbe ghermire la bellezza

 

5
8 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 08/03/2013 05:23
    SOAVE DECANTO ANNA... IN CUI TRASPARE IL SUDATO CAMMINO DI TANTE GENERAZIONI FEMMINILI... DILIGENTEMENTE E VOLUTAMENTE FORGIATO... LA MIA LODE E IL MIO AUGURIO IN QUESTO GIORNO DI FESTA A VOI DEDICATO
  • Vincenzo Capitanucci il 07/03/2013 21:36
    Splendida Poesia Anna...

    Sulla terra vermiglia, qualche antica conchiglia
    emana echi millenari...

8 commenti:

  • Anonimo il 10/03/2013 18:30
    Bellissimi versi sublimi... piaciuta tanto
  • Don Pompeo Mongiello il 08/03/2013 15:42
    Un serto di fiori di prima primavera su lo tuo capo porge lo Magno per questa tua eccezionale!
  • Alessandro il 08/03/2013 00:01
    Dedica toccante alla perfezione della natura incarnata.
  • loretta margherita citarei il 07/03/2013 17:27
    magistrale poesia scusa il refuso
  • loretta margherita citarei il 07/03/2013 17:24
    mastrigiale poesia veramente bella
  • laura il 07/03/2013 16:35
    Leggendo questa poesia ho respirato un mondo lontano, ho rivisto queste donne di paese che faticavano dalla mattina alla sera, senza lamentarsi erano sorridenti e cantavano! Un profumo bello direi... quel profumo di sonna a cui si deve rispetto e stima per tutto ciò che rappresentano! Complimenti bellissima davvero! Mi hai fatto ricordare la mia Calabria di tanti anni fa!!! brava ciao
  • Anonimo il 07/03/2013 16:20
    Dico solo che è veramente una splendida poesia per forma e contenuto. i miei complimenti.
  • gio porta il 07/03/2013 15:46
    La tua poesia mi ha portato nell'entroterra pugliese il 15 novembre del 1945.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0