PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Nella più nuova tristezza

Nella più nuova tristezza
marciano quelle parole
che non hanno un chi nel dove.
A te che amo con il cuore
oggi non voglio parlare.
Tu non m'abbracci
ed io che oggi son di nuovo
la bambina che corre
dietro alle farfalle
nell'ampio campo
dove lo zio Giorgio
nutre le sue pecorelle
parlando con se stesso,
nell'istante in cui cado
e mi graffio le ginocchia.

Ho pochi anni,
capelli lunghi,
timida,
indipendente,
rimproverabile,
condannabile,
fuggevole...
sin d'allora
fuggita nelle tristezze.

Sono arrabbiata con
te cuore mio,
e non riesco a stare ferma
sul posto che occupo
senza scaricare su di te
tutti gli aggettivi del rammarico,
tutte le metafore del rimprovero.

Non avrò luogo
finché le tue mani
non raggiungano le mie spalle
che si agitano senza smettere
e raggiungano le tue mani
le mie mani che cercano
angolini nelle tasche.
sotto le maniche,
sotto i capelli...

Che giungano le tue mani
alla mia inquietudine.

 

3
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 08/03/2013 05:26
    Che giungano le tue mani
    alla mia inquietudine.

    UNA CHIUSA DILIGENTEMENTE LASCIATA CHE PLAUDE L'INTIERO VERSEGGIO NEL SUO PROFONDO REALE... LA MIA LODE MIRTILIA... AUGURI IN QUESTO GIORNO DI FESTA...

2 commenti:

  • mirtilia il 08/03/2013 21:36
    Grazie degli auguri Rocco! Grazie sopratutto della lettura, a voi che avete commentato e a chi si è limitato solo a leggere.
  • Alessandro il 08/03/2013 00:00
    Un'età di travagli dove ce l'abbiamo con il mondo e con noi stessi in egual misura. Piaciutissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0