accedi   |   crea nuovo account

Battito di salvezza

Nel mondo ove anche l'anima è metallo
un solo cuor, braccato e stoico, batte.
Ancor si move, vivo e forsennato,
che par fenice dalle ali scarlatte.
Ei sa che, acconsentendo all'intervallo,
nel buio perirà, pietrificato,

né più riabbraccerà quiete sconvolta.
Insegue l'orizzonte e mai s'arresta;
e mentre immoto amor l'ha già tradito,
la rabbia nuovo slancio in lui ridesta.
Sfidando il tempo, corre e mai si volta,
temendo di scoprirsi, un dì, esaurito.

 

l'autore Alessandro ha riportato queste note sull'opera

Rifacimento della mia prima in assoluto.


3
5 commenti     7 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

7 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 09/04/2015 18:56
    La poesia manifesta verità terrene in un'atmosfera spirituale da cogliere nell'immediato vivere. Molto condivisa, nell'emblematico contenuto.
  • Raffaele Arena il 13/03/2013 14:05
    Di spessore emotivo, lessicale e metrico, sembra di legger un rimatore di scuola toscana, ma anche come di mito. Drammaticamente sensibile.
  • giuliano cimino il 09/03/2013 23:44
    come dice Vincenzo, stoica poesia, piena di immagini elegante come sempre.. e come si dice chi ben comincia...
  • Vincenzo Capitanucci il 09/03/2013 00:11
    braccato e stoico batte... un solo cuor.. come un ultimo eroe.. Ei sa... acconsentendo... all'intervallo... nel buio perirà...

    Splendida Alessandro..
  • Anonimo il 08/03/2013 22:06
    Bellissima complimenti... versi raffinati... piaciuta moltissimo!!
  • Rocco Michele LETTINI il 08/03/2013 21:52
    Ho apprezzato molto il distico di chiusa... UN'AUTENTICA RIFLESSIONE... per dar CREDITO a l'intiero verseggio... IL MIO ENCOMIO ALESSANDRO...
  • silvia leuzzi il 08/03/2013 21:49
    Grande Alessandro... hai dato una meravigliosa rappresentazione poetica del nostro sentire quotidiano. Intenso l'incipit sembra quasi scaraventarci nel mezzo delle nostre angosce:
    - Nel mondo ove anche l'anima è metallo
    un solo cuor, braccato e stoico, batte -
    quel " batte " la speranza che l'Uomo trionfi sempre sulla macchina rappresentata da quella fredda anima di metallo, metonimia sapientemente azzeccata. Questo cuore lotta e non si arrende e noi siamo lui e lui è noi. Poi c'è la chiusa Alessandro mio che mi appartiene e la sento mia, come se fosse un pezzo del motore che mi sprona a non affogare nella mia disperazione quotidiana e lo riporto qui in calce a questa elucubrazione, perchè merita di essere esaltato:
    - Sfidando il tempo, corre e mai si volta,
    temendo di scoprirsi, un dì, esaurito -
    Grazie per questi meravigliosi versi a presto

5 commenti:

  • Erica C. il 14/03/2013 10:34
    Davvero molto bella, io me ne capisco poco di metrica, ma mi pare di vedere una costruzione precisa, che rende il tutto ancora più musicale... Complimenti davvero, bei contenuti e bella forma.
  • alessandra moschella il 08/03/2013 20:33
    E come la fenice risorge dalle sue ceneri
  • Gianni Spadavecchia il 08/03/2013 17:09
    Bello l'approccio con i versi, ottima resa!
  • Don Pompeo Mongiello il 08/03/2013 15:46
    Ma quando non è metallo, respira e ti dà pace. Bravissimo comunque!
  • augusta il 08/03/2013 11:44
    dove l'anima è metallo... grande... 1 beso

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0