username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Giulia, non imitare il mio accento straniero!

Quel giorno mi ammalai di
crepacuore a causa del verso
del pappagallo giallo, che
(a quanto si diceva all'Osteria
del Malto) voleva imitare
ogni goccia del mio pianto.
Giulia, almeno tu, fallo stare
zitto! L'uccelletto scaltro
e baritono toglie l'umidità a
ogni mio sospiro: ché lui rifà
il verso mio, ma io non sono
capace di ricopiare il suo.
"Non lo sai che coi versi,
Suliko, si scrivono anche
le poesie?" Ma il rutto lirico,
Giulia, è solo quello della
mamma per il suo bambino.

 

0
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 20/04/2013 22:15
    Allegorie, metafore, giochi con le parole e in tutto questo verseggiare senza enfasi ma con incisività sboccia e trionfa quella donna, quella vera con cervello e occhi e non solo tette e culo. Ecco Maria sento questa femmina che rivendica uno spazio reale. C'è nei tuoi versi sempre questa figura orientale Suliko che incarna le fatiche, il disorientamento. Quella donna che rigettiamo dai nostri cervelli, quella che sta un passo indietro, ignorante ed intimidita ma che, proprio perchè donna, ci mettiamo accanto a lei e tra un sorriso e una minaccia la sosteniamo. Grande Maria proprio originali
  • Rocco Michele LETTINI il 08/03/2013 22:21
    SEMPRE ESEMPI DI BONTA' DAI TUOI VERSI... LA MIA LODE MARIA

4 commenti:

  • silvia leuzzi il 24/04/2013 22:10
    Meno male Maria che tu non trovi inappropriati i miei commenti e te ne sono grata veramente. Un bacio a rileggerci
  • Maria il 21/04/2013 20:01
    @Silvia: Pur senza conoscere la genesi della poesia, hai sottolineato un aspetto a cui tengo molto. Suliko è una creatura del poeta georgiano Tsereteli, protagonista di una omonima e famosa poesia d'amore da cui sono state tratte diverse ballate popolari e non. I miei "dialoghi" con Suliko (che a volte è uomo, a volte è donna, e il cui nome significa "anima", vogliono rendere viva e umana la creatura poetica di Akaki, e (di conseguenza) un po' tutti i soggetti d'amore poetici, frutto delle menti di uomini poco pratici (chiamati poeti) che spesso dell'animo umano non hanno colto le vere sfumature. Ed è, in un altra lettura, la stessa cosa che dici tu, che hai letto Suliko come donna moderna: rende grande onore alla mia poesia. Grazie Silvia, acuta lettrice.
  • Maria il 10/03/2013 13:52
    Grazie ragazzi, appassionati lettori!
  • marcello moiso il 08/03/2013 21:41
    Rimango sempre "attorcigliato" dai tuoi originali versi...
    Ciao Maria...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0