accedi   |   crea nuovo account

Insabbiati miracoli

Ero curva, sillogismo
cedevo il mio spettro
ai suoni

Rincorse stanche
esaurivano incendi

Questi sono attimi
di leggero fruscìo:
aghi di pino
pungono sul cuore
quasi a svelare
insabbiati miracoli.

 

7
3 commenti     6 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

6 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ettore Vita il 09/03/2013 22:00
    Veramente molto intensa. Piaciuta tanto. Complimenti
  • Maurizio Cortese il 09/03/2013 14:13
    Introspezione sapiente ed evocativa di suoni e di sensi: cedevolezza del cuore che nasconde tesori.
  • Ezio Grieco il 09/03/2013 10:55
    Bellissima Vincè. Una vera perla, un'introspezione descritta con versi meravigliosi.
    cl
  • Anonimo il 09/03/2013 08:26
    di un misticismo misterioso che mi ha davvero colpito!
  • ciro giordano il 09/03/2013 08:03
    un raccoglimento interiore, un fare silenzio che ha veramente del miracoloso... veramente bell la seconda strofa.. complimenti
  • Vincenzo Capitanucci il 09/03/2013 07:21
    Ero la curva di un sillogismo... dal suono.. passai all'incendio.. svelando miracoli insabbiati..

    Bellissima Vincenzo... due pre-messe... ed una conclusione miracolosa..

3 commenti:

  • denny red. il 09/03/2013 18:33
    Molto Bella! Ben scritta Bei versi è..È Poesia!
    Bravissimo Vincenzo.
  • Gianni Spadavecchia il 09/03/2013 16:44
    Molto piaciuta la resa in versi e la chiusa apprezzata. Bella!
  • Anonimo il 09/03/2013 12:05
    Caro Vicenzo, hai letto cosa ti ha scritto Ezio? Difficile che faccia i complimenti ed io sono d'accordo lui.

    Complimenti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0