PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

a piccole dosi

….. se sei servo della consuetudine
ogni giorno hai gli stessi pensieri
non acceleri mai, non freni mai
non dai confidenza a nessuno che non conosci
stai morendo a piccole dosi e non lo sai


se eviti di imbarcarti in una passione
se rimugini il passato
se i sensi di colpa ti assillano
se rifiuti il gusto di un’emozione
di una piccola trasgressione
stai morendo a piccole dosi e non lo sai

se pensi spesso al domani
i ricordi belli del passato
se il presente ti da fastidio
se in mezzo alla folla ti senti isolato
se prendi tutto maledettamente sul serio
stai morendo a piccole dosi e non lo sai

se ti da fastidio la felicità degli altri
se provi gioia nella vendetta
se rifiuti un’amicizia
se pensi di aver sempre ragione
se tieni il telefono spento
stai morendo a piccole dosi e non lo sai

evita quel senso di lento trapasso
la vita non è solo ansimare
non è abitudine
non è regola fissa
la vita è mitezza
saper attendere
gusto del semplice
la vita non è ieri
non è domani
la vita è… in questo istante….. assaporalo.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Gabriella Salvatore il 08/10/2007 20:57
    mi ricorda "lentamente muore" di Neruda, quello che dici è comunque tutto vero, concordo, ciao
  • laura cuppone il 07/08/2007 01:41
    come non esser d'accordo con te che parli della morte dell'esistere respirando l'apatia? della rinuncia ad essere.. all'amare..
    la pianta vive e muore e forse ama... ma quanto darebbe un fiore per volare... ciao L
  • Tony Fontana il 03/08/2007 19:09
    Grazie Franco per le tua bontà, sono con te, eè vero meglio apiccole dosi che di colpo, ma spesso si muore lentamente e non c'e' ne accorgiamo, lasciamo che tutto ci passi davanti come se fosse un film, non sapendo che gli attori principali siamo noi, TIBA, il telefono spento anche in pieno giorno è un segno di rottura col prossimo, esso ormai fa parte del quotidiano vivere interrompere il filo d'esistenza e come scomparire piano piano, certo avvolte è meglio spegnerlo quando abbiamo bisogno di tranquillità !! un grazie a tutti gli altri, è bello sapere di essere letto da voi!!
  • sara rota il 03/08/2007 13:32
    Tutto va vissuto, anche se avolte non è semplice comprendere tutto ciò che ci accade... bella l'ultima strofa, dove affermi che la vita è anche l'aspettare, l'attendere il presente e vivierlo.
  • Diana Moretti il 03/08/2007 12:23
    piaciuta.. un inno a vivere la propria vita a pieno.. A rileggersi. Dia

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0