PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Li miei compagni

Quando la notte s'appressa a divenir lo giorno
e l'occhi mia son belli spalancati
aspetto di sentir la voce delli compagni mia.
Non debbo attender molto
è un appuntamento ormai consolidato
infatti in un battibaleno
eccoli stormir fra le scure fronde
ste creature fanno due chiacchere tra loro
in bel canto, dolce e non sguaiato
raccontan storie a lor successe
con dovizia di particolari,
ed io che ormai conosco il loro canto
sembrami capir ciò che s'addicono.
Resto come da tempo ormai contento ed ammaliato
sentir quei canti l'uno per l'altro
in modo si cortese ed amorevole
mi dona pace eppur bellezza e benedico ste creature
sì che ci donano l'esempio
di come siano migliori e santi
a confrontar discorsi, li nostri.

 

2
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 14/03/2013 19:47
    Li amici... che sol gioie portan... Elogiabile versicolare...

2 commenti:

  • Alessandro il 15/03/2013 00:07
    Il canto magico di compagni invisibili. Ottime analogie col reale, con quelle amicizie profondamente vere, fatte di appuntamenti immancabili.
  • loretta margherita citarei il 14/03/2013 18:21
    sempre bravo complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0