PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Alla notte

Infinita macchia scura
senza forma
terror dell'intelletto
che organizza, traduce
in te ogni seme
trova riposo
e culla
Sei l'attesa
il volto indefinibile
del nulla
che nulla non è mai
sei la morte
tutto ciò che non conosco
Matrice, madre
Dio vero
inconoscibile
beato chi ti ha trovato
e giace in te

 

4
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • augusto villa il 09/03/2014 14:39
    Molto bella questa poesia alla notte!... Ben scritta!
    Versi di alto livello... Come dice Alessandro.
  • ciro giordano il 22/03/2013 18:46
    grazie a voi, Mara ed Alessandro per la vostra attenzione e gentilezza
  • Mara il 21/03/2013 05:42
    Bella! Nel ritmo, nella musicalità. Molto apprezzata.
  • Alessandro il 20/03/2013 23:50
    La notte informe terrore dell'intelletto, perché ci pone di fronte alle nostre paure, indifesi e senza via di fuga. Eppure, è anche una forza creatrice. Versi di alto livello.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0