accedi   |   crea nuovo account

Canzone di Luca soldato

I
Il giorno che partì da militare,
pioveva come Dio la comandava.
Bufera e vento dalla montagna al mare.
Il mondo tutto intero sprofondava.

Disse alla madre:
" Non devi accompagnarmi.
Alla stazione vado io da solo".
E mentre lo diceva
la pena entrava dentro
come un velo...

E si avviò così sotto la pioggia,
sollevandosi le pieghe dei calzoni.
Evitò il fango da persona saggia:
l'unico paio che aveva, gli unici buoni.

Lassù al fronte
ne avrebbe avuto cura
per indossarli subito al ritorno.
In piazza la domenica
avrebbe fatto una bella figura..

Sul treno
è salito un ragazzo
ed è sceso un soldato.
Al fronte
ha scordato il passato
e un fucile gli han dato.
Ha visto a milioni cadere
davanti a cannoni
soltanto ragazzi spauriti
e nessun generale...

II

Il giorno che tornò da militare,
il tempo non aveva più importanza.
Il nome suo dalla montagna al mare
Era un lamento chiuso in una stanza.

Disse la madre:
" Avrei dovuto farlo.
Nell'ultimo suo viaggio accompagnarlo".
E intanto che piangeva
la pena lentamente
s'accresceva...

E si avviò alla sua nuova dimora.
Nel vecchio armadio misero i calzoni.

12

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Federico Magi il 31/08/2007 16:23
    Molta retorica in questi versi. E poi è troppo lunga: se avessi usato immagini più penetranti e una forma più breve poteva venire decisamente meglio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0