accedi   |   crea nuovo account

Candidi resti

Nascemmo in seno a gioia e meraviglia
ma in tutti noi serenità scomparve.
Tra la sporcizia e i cocci di bottiglia
l'ingenua salma ingrassa orride larve.

Il mondo tace e odierna malefatta
si compie fra mill'altre, notte e giorno.
Nell'era ove coscienza è di contorno
si spande il gene d'omertosa schiatta.

 

5
5 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 22/03/2013 14:41
    Aggrappiamoci a questi candidi resti...

    Bellissima Alessandro... A' la recherche du bonheur perdu...
  • silvia leuzzi il 22/03/2013 12:19
    Schema e impianto classico, rima con ABAB CDDC
    bravo Alessandro mi compiaccio e quel che più conta, al di là di ogni musica è quanto di vero si cela dietro questo pregevole verseggiare. Ciao amico

5 commenti:

  • vasily biserov il 23/03/2013 23:01
    Che la ricerca abbia inizio allora
  • stella luce il 23/03/2013 14:46
    la verità del. vivere mirabilmente scritta... bravo
  • Don Pompeo Mongiello il 23/03/2013 08:01
    Due bellissime quartine davvero!
  • Anonimo il 22/03/2013 16:41
    bella intensa veritiera... molto apprezzata
  • Anonimo il 22/03/2013 12:46
    Nascemmo in seno a gioia e meraviglia
    ma in tutti noi serenità scomparve.

    Sublime apprezzatissima complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0