username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Non c'è goccia che non voglia assaggiare un Tuo labbro

Non c'è goccia che non voglia assaggiare un Tuo labbro

comete fluorescenti
argille di un istante
come Te come me
sono scese nella valle dei sogni perduti

evanescenti
giacevano

inerti
adagiati in languidi corpi di smarrimento

smunti

silenti

aspettavano
di riprendere vigore
da canti votati ad infinita dolcezza d'amore

argentei ruscelli di luna nelle caverne del sole

venivano accolti in chiome d'oro dai calici dei fiori

intercalando fra splendidi cuori note musicali

acqua Ti do
in latte di re
miele dimmi
fuoco Ti fa
è
sol di vento
la di vino
si di violino

non c'è goccia sensibile che non cerchi d'assaggiare

il canoro evento

di un Tuo labbro divino

 

4
4 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 24/03/2013 19:02
    Versi passionali e stupendi... Versi pieni di emozione e passione; sempre bravissimo!
    Meravigliosa Vincenzo!!!!!!!!!!
  • Anonimo il 22/03/2013 19:01
    Vincenzo, con questa poesia, secondo me, incanti l'esser poetico nel tuo scrivere versi che accompagnano parole inebrianti lungo un verseggiar al quanto simile alla musica del nostro cuore.
    Bella poesia..., molto bella!!
  • Rocco Michele LETTINI il 22/03/2013 18:50
    INCANTEVOLE NEL SUO ENCOMIABILE COSTRUTTO... STREPITOSI PASSI POETICI...
  • Don Pompeo Mongiello il 22/03/2013 14:22
    Un laudo dovuto e sincero per questa tua straordinaria davvero!

4 commenti:

  • stella luce il 23/03/2013 15:09
    melodiosi e dolci versi...
  • Anonimo il 22/03/2013 19:08
    accompagnati da musica inebriante... questi meravigliosi versi sono pregni d'infinita dolcezza... sempre grande... poeta... un bacione
  • Centrone Stefano il 22/03/2013 19:02
    Vincenzo, con questa poesia, secondo me, incanti l'esser poetico nel tuo scrivere versi che accompagnano parole inebrianti lungo un verseggiar al quanto simile alla musica del nostro cuore.
    Bella poesia..., molto bella!!
  • Fabio Solieri il 22/03/2013 16:39
    Dalla poltrona di comando rimetti titolo a noi al bando. Molto eloquente ed abbellita da note musicali, riflessiva e molto bella ai creato una nuova stella.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0