PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

SCETTRO

Nel corpo
Di squame roventi
Si nasconde il” bambino”
Uomo a Sua immagine…
Ricorda Eden
Dimenticati,
Ne realizza la
Visione,
Ne gratta la crosta
Dura,
Consuma artigli
E aliti
Di focoso vento,
Poiché
Sa che la sua
Corona,
Il suo scettro,
Il suo mantello,
Sono nell’involucro
Instabile
E ombroso
Del suo
Esistere…

Ma mai,
Mai assisterebbe inerme
Alla continua lotta
Che il suo rivale,
Sempre a sé stesso uguale,
Conduce nell’oscura e
Bianca notte
Dell’ultima scelta….
Adesso…,
Ora…,
Chi sei davvero?

Davanti a me,
Come in me,
La tua corona m’accieca,
Il tuo scettro mi domina,
La tua regalità
Si manifesta!!!

Inchinata al tuo
Splendore
Mi copro gli occhi
E sottili gocce
Di madida fronte
Mi ricordano che il momento è arrivato..

In braccio…
Sogno,
Canto,
Rido….
Adoro …
AMO!!!

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

15 commenti:

  • laura cuppone il 01/02/2008 19:27
    Cagliostro??? sei gentile.. benvenuto!!.. gentiluomo.... ma non ti scomodare... ciao Laura
  • laura cuppone il 02/01/2008 12:02
    grazie Augusto.. sei gentile davvero..
    l'immagine è importante nel mio scrivere..
    felice che ti sia piaciuta..

    ciao Laura
  • augusto villa il 02/01/2008 11:40
    Carica di passionalità, carosello d'immagini...
    Mi piace quello che scrivi e come lo scrivi.
    Complimenti Laura!
  • laura cuppone il 25/10/2007 12:50
    Grazie Riccardo... ora questa poesia ha una valenza ancora più forte...
    ma per me vale per quello che dice... e per chi è dedicata...!!!
    ciao L
  • Riccardo Brumana il 16/10/2007 00:41
    molto bella e passionale. mi ha sempre affascinato il tuo poetare. complimenti!
  • laura cuppone il 14/10/2007 18:59
    sapessi...

    grazie
    ciao L
  • Angela Lombardi il 08/08/2007 11:48
    Posso immaginare in un meraviglioso gioco di riflessi l'imponente opposizione che rappresenti... ed è come inseguire i pensieri, in un ritmo sempre più vorticoso e avvolgente.. fino al momento culminante, un'esplosione di passione nella parola AMO... complimenti davvero!
  • Anonimo il 05/08/2007 12:35
    La dualità che in alcuni è più costante spaventa, ma imparando a d accettarla forgia la personalità. Come dici tu, la paura più grande è che possa ferire chi ci sta intorno. Molto bella, sai che leggerti per me è sempre un piacere.
  • laura cuppone il 04/08/2007 21:44
    grazie Sara per l'accogliente bentornato...

    No Antonio, non è per mio figlio...
    comunque, il bene e il male risiedono in ognuno di noi... ma alcuni, più degli altri, sentono forte in loro questa dualità... ma non la combattono, nè li spaventa... hanno solo timore che questo possa danneggiare chi amano.. talvolta...
    grazie a tutti per i commenti...
    a presto L
  • Antonio Guizzaro il 04/08/2007 18:54
    Naturalmente posso sbagliare, ma penso che questa lirica sia per tuo figlio.
    Che è il bene, contro il male di questo mondo. Che ha lo scettro di chi domina e dominerà la tua vita.
    Ho toppato?
  • sara rota il 04/08/2007 17:28
    Innanzitutto bentornata... all'inizio l'ho trovata un po' malinconica, ma il finale è esploso prorompente...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0