PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Un nuovo giorno

Lacerti di sole
attraverso la stanza,
spalanco le imposte.

La luce pennella
zaffate d'azzurro

il mare,
profondo.

Profondo è l'abisso
là in fondo.

Tu canti,
sul ramo
bagnato d'aurora,
intoni canzoni d'amore

ignaro
ignori lo sparo,

per gioco di chi
ha già imbracciato
un fucile.

 

5
5 commenti     6 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

6 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 25/10/2013 07:39
    Questa è proprio bella e significativa. La metafora dello sparo è appropriata e socializza emozioni provate. Spesso chi ama ignora le sofferenze ricevute, le camcella proprio perchè non vuole ricordare e pensare che ci sia anche la sofferenza oltre l'amore.
  • Salvatore Masullo il 31/07/2013 23:26
    Bellissima introduzione di un mattino ridente dove il desiderio forte del lettore è che quel passero sul ramo possa anch'esso godere di quell'alba di sole e quelle "zaffate d'azzurro"... Poesia molto bella e musicale con pennellate di luce che sembrano quadri. Piaciuta molto!
  • silvia leuzzi il 20/06/2013 23:23
    - Lacerti di sole - che attacco, abbaglia, ci si cade dentro. Immagini che sembrano spicchi di vita, spalmata sul foglio, nascosta dai segni. L'abisso, l'infinito, la morte un intrico indistricabile delle forti emozioni della nostra esistenza. Bella Mara complimenti
  • Nicola Lo Conte il 13/05/2013 10:50
    Racconti la morte di un piccolo essere inerme che cantava l'amore!
    L'essere umano(?)è l'unico che uccide per gioco, fino a chiamarlo addirittura sport!!!
  • Anonimo il 29/03/2013 12:44
    Bellissima profondi versi... mi complimento apprezzatissima!!!
  • Rocco Michele LETTINI il 27/03/2013 12:31
    UN EFFUSO DAL CUORE MIRABILMENTE DONATO... SUBLIM VERSEGGIO... LA MIA LODE MARA

5 commenti:

  • Mario Bruno (Ciancia) il 21/09/2013 23:26
    Anche a me è piaciuta questa tua poesia, scritta molto bene.
    La si può interpretare in tanti... modi; è questo che la rende ancora più forte.
    I miei complimenti!
  • Mara il 14/05/2013 09:35
    Nicola, questi versi sono soprattutto metaforici... Fermo restando che sono d'accordo con te a proposito della caccia.
  • Vincenzo Capitanucci il 01/04/2013 07:16
    Lacerti e zaffate... sono parole che introducono ad un dramma... allo sparo di u fucile.. imbracciato per gioco...

    Molto bella Mara...
  • Gianni Spadavecchia il 30/03/2013 08:01
    Un nuovo giorno, in arrivo. Molto ben scritta!
  • Alessandro il 28/03/2013 16:59
    Uso ingegnoso della nostra lingua, immagini vivide dal significato mutevole.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0