PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La Bella Galiana

Intendo celebrar con questi versi
la mitica avvenenza di Galiana,
la bella viterbese popolana
che superar dovette eventi avversi.

Nacque a Viterbo in umile famiglia,
poi crebbe sana e bella come il sole;
per descriverla mancan le parole,
dico sol ch'era pura meraviglia.

Or si deve sapere che annualmente
a Viterbo veniva, ahimè, immolata
una bella ragazza sorteggiata,
e in quell'anno Galiana, fatalmente,

subì tal sorte, e la bella fanciulla,
denudata e legata ad un macigno,
patir doveva un destino maligno,
e per salvarsi non poté far nulla.

Consapevole d'essere quel giorno
uccisa non dal consueto boia,
ma da una selvaggia e bianca troia,
che sarebbe lì apparsa a mezzogiorno,

si sottopose a quel cruento rito,
fuori le mura, al fiume Paradosso,
mentre un pubblico attonito e commosso,
a distanza osservava ammutolito.

Era il giorno di Pasqua del Signore,
quando si udiron tragici i rintocchi
dell'Orologio Vecchio, mentre gli occhi
di tutti lacrimaron di dolore;

però accadde provvido un evento:
mentre la bianca troia si accingeva
a divorar Galiana che gemeva,
dal bosco, con altero portamento,

uscì un leone, il quale, con prontezza,
su quella brutta bestia s'avventò,
con quattro forti colpi la sbranò
e per Galiana giunse la salvezza.

Oh, meraviglia, oh, magica ventura!:
il cielo non permise il grave scempio,
un atroce delitto così empio,
ed ebbe lieta fine la sventura.

12

2
7 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 03/04/2013 15:16
    Deliziosa dedica, egregiamente ben scritta, che, mediante un originale gioco di poetiche immagini, elogia LA BELLA GALIANA, regalando piacevoli emozioni al lettore. Sinceri complimenti per la bella pubblicazione.

7 commenti:

  • Mario Olimpieri il 19/07/2013 09:24
    Anche io, caro Salvo, non conoscevo questa leggenda, poi ho avuto modo di leggerla, di gustarla e di esporla in versi.
  • salvo ragonesi il 15/07/2013 07:35
    non conoscevo la storia di Galiana ma la poesia è ben descritta. ottimo lavoro. bravissimo salvo
  • Mario Olimpieri il 04/04/2013 17:17
    Ringrazio l'amico Arcangelo per il piacevole commento e gli faccio i complimenti per l'amore che nutre per la poesia.
  • Mario Olimpieri il 30/03/2013 07:46
    Vi ringrazio, amici, per i vostri lusinghieri commenti. Confido a Bruno che anche io, fino a poco tempo fa, non conoscevo la leggenda della Bella Galiana, poi ho avuto la ventura di trovare su internet la sua dolorosa avventura, e mi è sorta l'idea di volgerla tutta in versi. Chi vuole saperne di più, in modo davvero completo, può cliccare "La Bella Galiana" e troverà tutte le relative notizie. Grazie a voi tutti e Buona Pasqua.
  • loretta margherita citarei il 29/03/2013 19:27
    gradevolissimo testo, applausi, buona pasqua
  • bruno guidotti il 29/03/2013 17:23
    Bravissimo, splendida poesia, magica nell'esposizione, rime che si incastonano in versi semplicemente suggestivi, come perle in una catena d'oro. Scusa ora la mia "Ignoranza," ma chi era questa Galiana? Un caro saluto.
  • Alessandro il 29/03/2013 14:53
    Mirabilmente scritta, abile gioco di metafore, mi ricorda quasi una canzone di De Andrè.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0