PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sabato Santo

In quei Sabato Santo, non so quanti.
sono passati più di sessant'anni,
mentre suonavano con rintocchi forti
a festa e in lontananza le campane,
la nona Nina ci chiamava tutti
e poi gridava storpiando il latino
di quel Christus Dominus Resurrexit
Il Signore Gesù è risorto come
sempre storpiava la domenica
a Messa ma lei non solo quel
Regina Sanctorum omnium
in un dolce e caro nei ricordi
Regina Santaromanium:
tutti chiamava me ed i miei cugini.
Pronta già l'acqua raccolta
dal secchio in fondo al pozzo
per bagnar gli occhi ad evitar
secondo la credenza contadina
malocchi o peggio malasorte,
già pronti campane e campanacci dalle stalle
tolti dal collo delle mucche e dei cavalli
già prese dal camino quelle di ferro lunghe
catene per fare compagnia con squilli
suoni e un festoso chiasso alle campane.
Quattro eravamo a far festa, io
Peppo, Angelo e il mio Battista:
oggi il Concilio ha cambiati i riti
non più il Sabato Santo è giorno di campane,
giace ancora Cristo muto nel Sepolcro,
non posso giudicare e non devo giudicare
penso al passato mi mancano non solo
le campane, i campanacci e le catene:
sono rimasto solo, corre triste il pensiero
ai miei cugini che da tempo alla nonna
fanno compagnia là in Motta Visconti, al cimitero.

 

2
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 29/03/2013 18:42
    ALTRI TEMPI GIUSEPPE... RESTANO SOLO MELANCONICI RICORDI...
    ELOQUENTE COSTRUTTO

4 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 31/03/2013 14:53
    Molto apprezzata e piaciuta questa tua straordinaria davvero!
  • loretta margherita citarei il 29/03/2013 19:25
    cambiano i tempi ma nella mente rimangono le tradizioni, apprezzata
  • K. Lear il 29/03/2013 18:30
    La vita vissuta è la più bella da raccontare, ma anche la più difficile. Il bello di questa poesia è proprio la volontà di raccontare i legami familiari, unici ma allo stesso tempo condivisi da tutti
  • Anonimo il 29/03/2013 16:57
    Quanti bei ricordi! Un tempo, era una vita diversa, era una vera festa, si festeggiava per il suo vero significato.
    Bella, complimenti Giuseppe.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0