accedi   |   crea nuovo account

Geme dell'amore il motor

Nuvole leggere, il ciel rosato
azzurro, poi repente il tutto
muta, minacciose nere sorelle
caccian quelle, nell'aere scuro
cumulonembi si fan strada,
al baglior guizzante il tuono
forte segue, la terra geme
colpita da grandine violenta,
in simil ratta guisa quel dì
divenne il sentir interno mio,
il tuo sorriso spento, in odio
tramutato, al cuor sereno, tanto
ancor d'amor sognante, fosche
d'ambascia nubi scagliò sì tanto:
di grandine dolor tempesta
il motor dell'amor ne fu colpito.

 

3
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 29/03/2013 18:50
    ESEMPLARE COSTRUTTO NELLO STILE ARMONICO E NELLA PADRONANZA DEL LINGUAGGIO... IL MIO AUGURIO DI UNA SERENA PASQUA...

4 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 31/03/2013 12:54
    Un plauso dovuto e sincero per questa tua eccezionale davvero e ne approfitto per inviarti i miei affettusi auguri di Santa Pasqua.
  • loretta margherita citarei il 29/03/2013 19:04
    applausi, incantevole poesia, buona pasqua
  • bruno guidotti il 29/03/2013 17:12
    Molto bella, le rime sono ricercate, i termini impreziositi da uno stile aulico. La metafora del temporale e dell'amore improvvisamente finito è suggestiva; suggestiva come la tua poesia.
  • Alessandro il 29/03/2013 14:52
    Metrica interessante, grande proprietà di linguaggio. Anche il motore del sentimento può sussultare. Piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0