accedi   |   crea nuovo account

Nevicare

nevicare,
granelli
di sabbia ghiacciata
cadono dal cielo
e una dopo l'altra,
il sol riflettendo
mi portano tua immagine
e come la stella
in cielo imbianca
il firmamento,
così la candida neve sui prati coperti,
il suo candido manto
argenteo stende.

nevicare,
il cielo grigio
e'l suolo bianco
fan guerriglia per spiccare
e il candido vento gelido
è come un secchio
d'acqua fredda
quando uom s'assopisce,
risveglia anima e corpo e
dice una cosa sola:
respira,
la vita
riparte
da qui...

nevicare
dalle colline
e dalle montagne spande
quell'aura dolce
che fa d'inverno
e tutte le stagioni,
quando il sol nasconde
il suo viso retro
le nubi
e il giorno e la notte
non duolon agli uomini.

nevi care
scendete ancora
per recar conforto
al mio cuore leso
e come ghiaccio su ferita,
come sale su una piaga,
asettico rendi il dolore
che ancor campeggia
nel mio cuore...

nevicare,
neve,
or ritorna
ancor
per dar volto
a chi
ho ardore
e per recar
conforto
al mio
leso cuore.

 

0
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 05/04/2013 17:12
    Di una bellezza unica al quale va il mio laudo semplice e puro.

2 commenti:

  • Maria Rosa Cugudda il 11/04/2013 20:10
    Profondi versi, quanto delicati!
    apprezzo particolarmente questa lirica.
  • luca il 05/04/2013 17:25
    Grazie don, la tua laude e importante x me

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0