PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Unione

E poi guardo nei tuoi occhi castani,
profondi, intensi e immensi,
e li vedo riflessa tutta me stessa,
come davanti a uno specchio immacolato.

E poi sento il battito del tuo cuore,
frammisto al mio,
e posso sentire il calore delle tue mani
e la dolce carezza del tuo sospiro.

E così capisco che siamo isolati
dal mondo, dalle creature e dagli uomini.

E ci rendiamo conto di essere ciechi
ma l'importante è vedersi tra noi.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 31/12/2013 00:36
    Molto apprezzata... complimenti.

1 commenti:

  • Alessandro il 03/04/2013 16:24
    Ciechi e isolati, quasi gli scarti di questo mondo. Eppure ci si può bastare l'un l'altra. Bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0