PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La ginnastica

Era una umida giornata di marzo,
con la pioggia che la terra bagnava,
ed un gruppo di ragazze di un tempo,
davanti ad una porta e sotto l'ombrello attendeva.
La loro beltà era ancor ben marcata e,
resa vistosa da un cordiale sorriso,
e l'unico maschio argentato presente,
aumentato avea il prestigio.
Lo scopo di tal riunione
è imparar, con appropriate sedute,
quei movimenti del corpo,
per restare più a lungo in salute.
E dunque nasca in noi la speranza,
di rallentare quel tempo di vita che corre veloce,
ed ogni giorno non è come prima,
ma che lui è sempre presente,
e tace, ascolta e cammina.
la maestra è ben preparata,
e ci trasmette il suo sapere,
che con devota attenzione,
noi la stiamo volentieri a sentire.
O ragazza che i nonni tu aiuti
a passare sereni il lor tempo,
e molte utili mosse, di sicuro ognuno le impara,
e saranno in grado di fare sempre una corsa,
anche se mai, vinceranno la gara.
E tu giovinezza cresciuta e trascorsa,
sei rimasta una parte, seduta nel cuore,
non scordiamo il bel tempo che passa,
che è uno, dei migiori atti d'amore.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0