PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Amazzonia

Alberi giganteschi esplodono in alto
come colonne di cattedrali
i rami sù sù quali braccia
a formare volte goticheggianti:
sembrano navate di chiesa.
Quando un raggio di sole riesce a passare
produce luminosità surreale in nebbia d'incenso.
Sotto,
la vita, che aborrisce il buio,
lotta.
Ogni pianta, anche la più piccola, si aggroviglia verso l'alto
avvinghiandosi alle altre,
quelle che non ci riescono imparano l'arte di scappare dall'ombra.
Crescono piante su piante,
muschi
e insetti inverosimili
e uccelli dal piumaggio iridescente
e, senza vederli, si intuiscono serpenti.
La piroga, cauta, riprende la via del ritorno
e al tramonto giungiamo al villaggio
dove assalito son dai bambini.
Sporchi e vestiti laceri
ma
i loro occhi, grandi,
mai potrò scordare.
Offro loro i soldi che mi son rimasti
non li vogliono
non elemosina chiedono
fanno a gara per aiutarmi a scaricare le cose.
Quegli occhi...
quei grandi occhi...
mi son rimasti impressi nella mente...

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Fabio Magris il 07/04/2013 23:22
    Grazie Carla, quegli occhi mai potrò scordare.
  • Anonimo il 07/04/2013 20:19
    una bella descrizione di questo magico posto... e gli occhi di quei bimbi mi sembra di vederli... complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0