accedi   |   crea nuovo account

Giunchiglie

Eri distesa nuda su di un prato di giunchiglie
ed era bellissimo giocare con i tuoi capelli
che il dolce vento primaverile scompigliava.
Avevi diciott'anni, e il tuo seno era
così turgido e odoroso,
e le mie mani sudate
lo sfioravano
con premurosa delicatezza.
I miei occhi si perdevano nei tuoi,
misteriosi come il mare,
profondi
come uno scosceso dirupo.
Passammo la notte insieme,
nudi e tremanti,
illuminati soltanto
da un aureo tappeto di stelle.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0