accedi   |   crea nuovo account

Sogno perduto

Sfocati ricordi; nel mondo incolore
piombiamo al risveglio, piangiamo il sapore
dei lidi infiniti. Notturna dimora
lo scettico abbaglia, l'esausto rincuora.

Dal cuore sfregiato una sola preghiera:
riportaci al prato ove danza la sera
e ancora più in là. Fugge l'anima offesa
da diurna rovina ove svetta la resa.

I cori trionfali di vuote parole
non temon la luce; domato anche il Sole,
il male non dorme ma s'erge pasciuto,
nutrendosi ognor di sanguigno tributo.

Tu solo a noi resti, l'estremo riparo
per chi va oltre i sensi; sei il dono più raro
che mai piegheranno l'umane ragioni;
in te non esistono guardie o prigioni.

Sarà forse stolto chi vede salvezza
in te, preferendo a sofferta certezza
l'eterno vagare nel tutto e nel vano.
Il giorno rinasce e tu fuggi lontano.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alessandro Moschini il 05/04/2013 20:32
    Molto bella intrisa di uno stile particolarissimo. Molto bravo
  • Anonimo il 04/04/2013 19:00
    Quella quartina finale mette i brividi... musicalità... armonia... forma... contenuto... il destino deve essere così ineluttabile?... avremmo tutti bisogno di piccole rivoluzioni... Bellissima!
  • Don Pompeo Mongiello il 04/04/2013 17:53
    Stile impeccabile in quartine sublime.

10 commenti:

  • Simone Scienza il 04/04/2013 22:39
    Musica che eleva un contenuto perfetto.
    Sogno o son desto...
    magnifica lettura finita troppo presto
  • Grazia Denaro il 04/04/2013 21:14
    Rifugiarsi nel sogno molto spesso equivale ad uscire dal tran tran, dalla malinconia, certo il risveglio ci getta in faccia la brutale realtà. Come sempre il tuo verseggiare è da dieci e lode Alessandro. Lirica apprezzata per contenuto e forma!
  • loretta margherita citarei il 04/04/2013 20:11
    è un grande piacere leggerti
  • anna rita pincopallo il 04/04/2013 17:09
    poesia bellissima nel tuo stile inconfondibile bravissimo
  • Anonimo il 04/04/2013 16:46
    E meno male che ci sono i sogni, Alessandro.
    Mi piace molto la penultima strofa.
    Sempre bravo!
  • Anonimo il 04/04/2013 16:14
    ci aiutano ad andare oltre, a volte ad uscire da malinconia, nostalgia, sofferenza... ottima lirica bravo sempre... anche se sono solo sogni
  • karen tognini il 04/04/2013 13:41
    Versi veramente belli... il tuo stile è proprio tutto tuo.. una firma...
    Complimenti...
    sei il dono più raro
    che mai piegheranno l'umane ragioni;
    in te non esistono guardie o prigioni.
  • Vincenzo Capitanucci il 04/04/2013 13:07
    per chi va oltre i sensi... sei l'estremo riparo... arriva il giorno... con sofferte certezze... ma Tu... portato dalle sue ali... sei già lontano..

    Bellissima Alessandro... il Sogno... catarsi dai mali del giorno..
  • augusta il 04/04/2013 11:40
    e meno male che ci sono... molto bella
  • Anonimo il 04/04/2013 11:21
    Pensa se non ci fosse neanche quello!
    Bellissima Alessandro.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0