accedi   |   crea nuovo account

Fingo l'arte

Fingo l'arte
come un pittore senza tela
case senza finestre
bandiere senza vento.
Ho amato la mia solitudine
bevuto goccia a goccia notti di sgomento
illuminato ogni angolo buio
di una ragione senza ragioni;
L'ho vissuta come colpa
come atti impuri in una chiesa
scacciata ed odiata
ma sempre lei è tornata
fedele
lusinghiera
a consolare le mie mani.
E tu,
alta e splendente
di picchi innevati e luminosi silenzi
sei fiume in piena
sei canto di sirena
argine al mio straripare
mi hai rubato a me stesso
svelando orizzonti
che i miei occhi bianchi
non distinguevano.
Ora che avvolta di vento sei polline della sera
ora che sei eco e non più voce
il profumo della tua pelle lontano
evanescente come sogno
la mia solitudine ancora mi reclama
ma non più io
sono orfano di me stesso.

 

0
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giulia Aurora il 30/12/2013 12:53
    Una poesia che si fa racconto a condurci ad un emozione che s'insinua in una chiusa bellissima

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0