PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Verrà il giorno in cui

Verrà il giorno in cui
il libro delle mie poesie
resterà incompiuto,
avido di carta,
di inchiostro e di versi.

Della mia voce
resterà solo l'eco ricorrente
e il palpitar di cuore
in quelle rime alternate,
come l'urlo dei marosi
che la risacca notturna
sbatte sopra uno scoglio...

Io ci sarò ancora!

Là, dove l'orizzonte marino
tocca l'azzurro del cielo,
avrà inizio il mio infinito.

Inventerò nuovi versi
lungo il mio viaggio,
a farmi compagnia
tra paura e coraggio.

 

3
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Francesco Castaldi il 05/04/2013 22:57
    Mi ha davvero commosso. :'( Meravigliosa!!!

2 commenti:

  • Mara il 06/04/2013 05:45
    Bellissimi versi, complimenti!!! Leggerò le altre tue.
  • Alessandro il 06/04/2013 00:13
    Profetica scomparsa per un viaggio verso un mondo migliore. Resteranno i testimoni di inchiostro. Versi agrodolci.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0