PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il folle pianista dalle mani nel vuoto

Suonava
in un modo così forsennato

che pian pianino
senza rendersene

conto

si era allontanato dal piano

 

5
3 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 06/04/2013 20:31
    versi che celano innumerevoli significati... misteriosa e bellissima Vincenzo!!!!!!!!!!!
  • Anonimo il 06/04/2013 08:25
    Sarà stato uno di quei famosi pianisti parlamentari!
    A parte la battuta, mi ricorda il grande Prevert.
    Bravissimo Vincè!
  • Rocco Michele LETTINI il 06/04/2013 06:32
    FORSE SUONAVA COL CUORE? ARMONIE CHE ALTRO IGNORAVANO?...
    TANTO CELA QUESTO TUO SUBLIM VERSICOLARE...
    IL MIO ELOGIO VINCÈ

3 commenti:

  • stella luce il 07/04/2013 22:19
    lo forza della musica... quella che senti dentro e che anche se ti allontani dallo strumento che la genera la senti viva dentro di te...
  • Anonimo il 06/04/2013 12:54
    Forse perchè... la musica la sentiva talmente dentro di sè... era infinita, esplosiva, veloce, andava oltre alle sue mani dal piano...
    Mi piace pensarla così!
    Vincè, ah Vincè mitico!
  • Mara il 06/04/2013 05:42
    Bellissima immagine dipinta dall'arte di un maestro:tu!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0