username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'ultimo viaggio

Decorano il mattino
fantasmi d'emozione
d'un frale compromesso;
fagotto d'illusione
del triste pellegrino.

Non principe dorato
avvolto in un mantello
ma un fante consumato
percorrerà l'ingresso
del tuo nero castello.

Nel dì non si rinfranca
e di livor s'impregna
quest'anima che arranca
cercando una compagna
che sia altrettanto indegna.

La marcia di follia
darà a vite corrotte
le nozze del degrado.
Ha sbarre così ghiotte
l'eterna prigionia.

 

3
5 commenti     7 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

7 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alessandro Moschini il 07/04/2013 11:35
    Tra il noir ed il fantasy. Mi piace molto. Veramente bravo.
  • Anonimo il 06/04/2013 19:38
    Originali e profondi questi tuoi versi... Bellissima complimenti!!!!!!!!!!!!!
  • Don Pompeo Mongiello il 06/04/2013 18:47
    Scusami, ma voleva essere una recensione e direi più che meritata.
  • Rocco Michele LETTINI il 06/04/2013 14:07
    ACUTO CONSIDERARE IN UN VERSEGGIO DI REALE COSTRUTTO... ENCOMIABILE COME SEMPRE ALESSANDRO...
  • Anonimo il 06/04/2013 13:01
    Basterebbero gli ultimi due versi per rendere questa tua una fonte preziosissima -e così plasticamente resa!- d'insegnamento esistenziale: quanto invitanti appaiono spesso le tentazioni che sbarre diventeranno delle nostre peggiori prigioni!
  • ciro giordano il 06/04/2013 11:47
    un amara e triste considerazione sul pericolo dei sogni e delle illusioni... Sembra che alla fine ci siano solo porte chiuse, strade già battute, e scarpate che non portano a nulla... bella
  • silvia leuzzi il 06/04/2013 11:14
    Quante immagini Alessandro si affollano prepotenti e ci fanno danzare gli occhi e anche noi compiamo l'ultimo viaggio emotivo e siamo pieni di sentimento quanto vuoti di futuro. Bella ciao

5 commenti:

  • salvo ragonesi il 12/04/2013 16:19
    quando si entra in un sistema è difficile venirne fuorie si rimane in eterna prigionia. bella ben ritmata. salvo
  • Gianni Spadavecchia il 07/04/2013 15:06
    Ha sbarre così ghiotte e spesse l'eterna prigionia.. piaciute tanto le rime!
  • lidia filippi il 07/04/2013 14:36
    Versi originale e sapientemente stilati trasportano messaggi di vita importanti e molti spunti di riflessione:Un caro saluto
  • Don Pompeo Mongiello il 06/04/2013 14:47
    Sensibilità e umanità in un verseggiar sublime.
  • Vincenzo Capitanucci il 06/04/2013 12:41
    Un incanto come al solito Alessandro... un Fante..(aprente le ante )... un Alfiere...( liberando le fiere )... percorrerà il Tuo nero castello... per liberarti... sbarre ingorde... dalla Tua eterna prigionia...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0