PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il vero amore

Maria, salve,
ti si scurdata e me
e natu te spuosi;
ma commu hai pututu
nanzi a Maronna
e a tutti quanti
fa finta ca i nun ce sto,
nun sienti stu coru
comme vatte,
cchiu forte
e chillu organu
ca sona
e nun sa quannu sto
suffrennu,
e tu rici a chillu
SI,
Maria
tu si la mia,
chillu
è nu futusu e nun è
pe' te,
ma t'ho già purduto
e tu purduto
me hai
e tutto se stuta;
ma che fai?
Me pigli a manu?
E chillu Si
nun vale cchiu?
No ammore!
Pecché i vogliu bene
sulu a Te!
Grazie Maronna mia,
che sta grazia hai fatto.

 

0
0 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Nicola Lo Conte il 13/04/2013 11:37
    L'AMORE!!! TROPPE VOLTE, SOPRATTUTTO LE DONNE, LO TRADISCONO PER LA SICUREZZA ECONOMICA, LA CONVENIENZA, IL POTERE!
  • loretta margherita citarei il 10/04/2013 05:05
    veramente bella e intensa bravo
  • Rocco Michele LETTINI il 09/04/2013 21:18
    SEMPRE UNICO NE LO STRABILIARE...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0