PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Angeliche Asfissie

Il poeta
per poter respirare l'immenso
crea
ad immagine di un foglio bianco
uno spazio vuoto

una frenetica asfissia

nel giardino alveolare dei polmoni

inala
dai lidi delle parole
letarghi di piume ancorate ai materassi cerebrali del sonno

sparge
nel suo cuore
candelotti fumogeni atti a smascherare da reconditi inconsci i lumi dell'anima

aghi
di pungente lotta
penetrano nei geni dei suoi occhi lacrimanti

dai quali
accecato

deve uscire

a tastoni

fiducioso di quel chiaro di luna che l'accompagna nel buio della notte come il mare di un secondo sangue

improvvisa spontanee porte arteriose nei muri corallini del suo corpo

sfuggenti dal museo imperioso incombente su cellule di opere morte

in un bocca a bocca
con attimi di luce

travolge i suoi sensi

li profana

è Lui
è vivo

è il dio alato delle sue emozioni

lo tengono per mano

donando
al suo eros albe di rose

stelle filanti

esplosioni di colori

suoni
in capovolgimenti di fronte

alle labbra cianotiche dei suoi pensieri s'offre un sentiero subacqueo tracciato da mille soli

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

Scrivere è un immergersi nelle acque infuocate dello (dallo) Spirito


8
4 commenti     8 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

8 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 11/04/2013 19:57
    Il poeta dà un sapore alla vita, naviga nelle parole, molte volte perse, gli dà tonalità e forma molto sentita... Bellissima Vincenzo!!!!!!!!!!!!!!
  • Anonimo il 10/04/2013 13:36
    Vincé, che dire, prendo a prestito la corona da don Pompeo e ti cingo lo capo!
  • Matteo Contrini il 10/04/2013 10:50
    Mi piace il ritmo altalenante di questa poesia, che gioca sull'accostamento di versi brevi e lunghi e sfoggia enjembement d'effetto, per infondere appunto il senso di "frenetica asfissia".
    Mi è piaciuta la coppia di versi "in un bocca a bocca con attimi di luce", complimenti =)
  • Vincenza il 10/04/2013 09:12
    molto complessa, devo dire che l'ho letta e riletta... in effetti riesci a comunicare in pieno l'affannoso "immergersi", come lo definisci tu, nei meandri complessi dello Spirito. Ritengo comunque che sia molto coinvolgente e impegnativa, ricca di fascino... come sempre sai stupire
  • vincent corbo il 10/04/2013 06:33
    Molto bella questa rappresentazione della scrittura, splendide immagini. Anch'io condivido il significato profondo dell'arte in generale.
  • Rocco Michele LETTINI il 10/04/2013 06:11
    è Lui
    è vivo

    è il dio alato delle sue emozioni

    È IL POETA... SINCERO TESTIMONE DE LA VITA... IL MIO ENCOMIO VINCÈ
  • Antonio Garganese il 10/04/2013 05:58
    Uno spazio bianco da riempire con le più svariate sensazioni. Ne hai tratteggiate alcune con grande fantasia. Piaciuta.
  • roberto caterina il 10/04/2013 05:26
    l'asfissia di un foglio bianco da riempire dove spesso cadono le mani... un percorso vero e sentito.

4 commenti:

  • - Giama - il 27/04/2013 14:45
    Confermo il commento precedente e su questa aggiungo... CAPOLAVORO!
    Splendida opera Vincenzo, assolutamente condivisa!
    Grande!
    Ciao
    Gia
  • Alessandro il 10/04/2013 23:31
    I sensi travolti dall'ispirazione, fino a oltrepassare il nostro limite di sopportazione. Ottima
  • stella luce il 10/04/2013 07:48
    Stupendi versi... come un estasi da cui fuorisce il poeta. Piaciuti moltissimo
  • karen tognini il 10/04/2013 07:00
    Splendida Vincenzo... le tue parole sono fiumi di emozioni...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0