accedi   |   crea nuovo account

Lo Sommo

Ne lo ire
a zonzo
de qua e de là,
de botto
vicino a na inferriata
me trovai,
na faccia,
che parea
a me ben conosciuta,
nu cenno
de seguirlo
me facea:
- Tu Pompeo,
che prete
pur non sei,
ma la dottrina
segui
con ardore
da li tempi iti,
de sbirciar l'occhio
in codesto Inferno
de diritto meriti.
E così
fuit,
de cose viste
tante ne ho,
che tacer
preferisco,
pe' quanto orribile
a li occhi mei
parver.

 

3
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 16/04/2013 06:18
    è meglio non parlare delle cose orribili che abbiamo visto.. a che serve rattristerebbe solo lo spirito... ma delle cose belle che splendono nel nostro cuore...

    Bravo Don...
  • Rocco Michele LETTINI il 11/04/2013 17:49
    SAGGIAMENTE SCORREVOLE ET PREGNA D'AMORE VERSO E DA LO SOMMO...

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0