accedi   |   crea nuovo account

Primavera

A Maggio torna la primavera odorosa
tra le campagne colorate a festa
e sopra un davanzale quattro rose
con l'erba novellina in una testa.
Una massaia stende i panni al sole
e profuma di lavanda tutto il vico,
nel vecchio forno il panettiere canta
le note dolci di un motivo antico.

Un gruppo di ragazzi sulla strada
si affanna e corre dietro ad un pallone,
mentre una madre, insieme al suo bambino,
guarda i fanciulli e ride da un balcone.
T'accorgi che la primavera ha più sapore
e un venticello piega nuove foglie,
mentre gli uccelli cantano l'amore
con grande forza e rinnovata voglia...

Vorrei tornare ancora ragazzino
per respirar quest'aria senza affanni,
ma il tempo mi ha lasciato sulle spalle
l'inverno freddo e il peso dei miei anni!

 

2
0 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 13/04/2013 05:20
    PLAUDO LA QUARTINA DI CHIUSA CHE È ANCHE PARTE DEL MIO VIVERE... E I NITIDI FOTOGRAMMI DI UNA PRIMAVERA ADORABILE... SALVATORE
  • Anonimo il 12/04/2013 23:08
    Il bellissimo quadro che hai dipinto merita un finale di gioia: potrebbe essere lo scoprire che l'età anziana è destinata alle bellezze e meraviglie dello spirito finalmente vissute in pienezza.
  • Alessandro il 12/04/2013 21:49
    Una primavera tardiva contemplata dall'inverno dell'età avanzata. Riaffiorano i ricordi di tempi più spensierati. Molto atmosferica, richiami pascoliani.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0