PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sogni

Et acerbo ritorna
ai non aspri
sipari.
Hanno
accolto la tua voce
con l'ingenuità delle stelle
viste sopra le frecce di Saturno
che raggiungono il cuore e lo
colorano di melanconia
perché essere tristi
è una gioia di amore
un incontro dolce e sospeso
tra il mondo e la scena

e dove tutto parla
l'anima canta
e tace
sui balconi illuminati
di una partenza che
viene sempre al piano di sopra
tra i sogni
semplici e pochi
annunciati
ma mai completamente finiti.

 

3
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 14/04/2013 18:29
    IL SOGNO? IL SOLO RIMASTO COME PORTATORE DI EFFIMERO ALLEGRO...
    ENCOMIABILE VERSICOLATO ROBERTO...

5 commenti:

  • Alessandro il 14/04/2013 22:35
    Ottimo il linguaggio; l'amore sognato melanconico, quasi da messa in scena teatrale.
  • gio porta il 14/04/2013 17:48
    È meno male che ci sono i sogni!!!
  • stella luce il 14/04/2013 17:32
    melodiso versi... stupendi i sogni che riepono la nostra anima...
  • Anonimo il 14/04/2013 14:39
    Molto bella e vera la chiusa. Bellissima Roberto!
  • karen tognini il 14/04/2013 12:15
    perché essere tristi
    è una gioia di amore
    un incontro dolce e sospeso
    tra il mondo e la scena...

    Bella.. bella... bella...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0