PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

LABIRINTO (O DONO DEL DONO)

Arriverà
Anche la densa pioggia,
Che addosso cade
E non lava,
Ma di buio,
Nera pece ricopre…
Arriverà
L’inverno
E un’altra
Estate..
Arriverà l’oggi
Degli oggi…
Il domani
Dei domani…

E togliersi le scarpe
E camminare
Leggeri e soli,
Persi e attoniti,
Consapevoli e increduli
Che possa il “dentro” vivere
“Di fuori”
Senza più vita e sogno e verità..

Arriverà
Lo so
Rinuncia e rassegnata sorte
Ricompensa alla
Ricompensa
Dono del dono

Arriverà…
Grazie, comunque,
Del giusto prezzo
Al prezzo dato!!!

Sorrido, il cucchiaino assaggio
Prendo l’esistere
E me ne vado…

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Riccardo Brumana il 06/09/2007 23:19
    la trovo angosciante... non è il mio genere. carina però.
  • Paola Reda il 05/09/2007 02:19
    Allora è fattibile quando affermo "nonostante tutto IO sono qui"
    Dolce, dolce Laura: per favore, TOGLITI LE SCARPE!
  • laura cuppone il 05/09/2007 01:21
    il labirinto è la vita..
    si scelgono strade che non si sa dove porteranno..
    e come in un labirinto la via d'uscita si cerca disperatamente... alcune volte la strada è chiusa.. la strada va cambiata e si prova un altro percorso.. intricata e pure così maledettamente semplice questa vita..
    dono meravilgioso e incomprensibile..
    un giorno andrà ridata a Chi ce l'ha donata..
    sorrido... esisto per ora, ancora...
    è questo che importa... vivo!
    Grazie Luigi.. e a tutti.

    ciao L
  • Luigi Lucantoni il 14/08/2007 18:43
    Bellissima autoanalisi!
    Quello che descrivi lo vedo come un senso di immobilità, tuttavia anche x questo non lo vedo tanto come un labirinto, poichè labirinto è sinonimo di mistero. Quando abbiamo la consapevolezza di non conoscere affondo la nostra interiorità ci sentimao impantanati ma non davantoi ad un enigma (questo è quello che provo io almeno) Ciao!
  • Paola Reda il 09/08/2007 19:20
    Carissima Laura,
    è proprio vero: la densa pioggia non lava, ma di nera pece ricopre.
    Comunque, credimi, arriverà la pioggia che laverà via ciò che ci è rimasto appiccicato nell'anima ed il "dentro" lo vivremo di fuori, affrontandolo con una grande forza, anche se questa forza è figlia di una enorme ferita.
    Un caldo abbraccio
    Paola
  • Anonimo il 08/08/2007 23:16
    Percorso di vita obbligato, spetta a noi la scelta di farlo diventare un labirinto o un dono. Scelgo la seconda opzione, anche se il percorso è tortuoso e irto. Un abbraccio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0