accedi   |   crea nuovo account

Pausa Universitaria

Caffè, fumo e cenere
e tutti inisieme per ridere

A ridere del caffè,
bar o macchinetta
tanto é semp' 'na mezza cazetta.

A ridere del nostro fumo,
che desumo
racconti la nostra pace
a chi la pace non gli piace.

A ridere tra filtri e cenere,
che segna la fine delle nostre pause e parole effimere.

 

3
5 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • vincent corbo il 17/04/2013 06:25
    Credo ci sia una grande maturità espressiva in questa poesia ma anche un significato molto più profondo di quanto lasci intendere. Credo sia la consapevolezza di un tempo da vivere nel pieno dei suoi attimi, un inno alla giovinezza.
  • stella luce il 16/04/2013 21:54
    Vita universitaria... piacevoli istanti da tenere impressi nella mente... amicizia e sapere insieme... bravo

5 commenti:

  • Nico Posillipo il 14/07/2013 17:46
    bella Salvatore, i versi in napoletano riescono a dare un espressione maggiore rispetto a all'italiano
  • vasily biserov il 18/04/2013 20:05
    Ridere per preservare la leggerezza, ridere per stirare i muscoli del viso... ridere per essere sovrastati di positività
  • Anonimo il 17/04/2013 18:09
    Mi associo con il commento di Vicenzo.
    Mi piace... Bravo.
  • SalvatoreCierro il 16/04/2013 20:48
    ma non è l'anno sabatico, sono i 5 minuti di pausa che ci danno i professori tra un ora e l'altra
  • loretta margherita citarei il 16/04/2013 18:36
    anno sabatico... piaciutissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0