accedi   |   crea nuovo account

Note sparse dal Sior Mi Me Ma

Quando
la notte
si fa
incubo

senza più un sol

non Ti resta che cantare e remare

sperando
di essere risvegliato

da un tono di mi celeste


fuori dal cinema di un sior in mi me ma

da una nota in do più alta

su una scala di là

 

6
3 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 18/04/2013 20:38
    Note sparse per vincere le paure della notte... Bellissima Vincenzo!!!!!!!!!!!!!!
  • Anonimo il 17/04/2013 07:33
    Eh quando la notte si fa in cubo so altri cori Vincé... se poi ti sveglia il coro degli Angeli, allora so' cavoli ultraterreni e là ci trovi pure il mi fa sol.
    Grande Vincenzo, bravissimo!
  • roberto caterina il 17/04/2013 06:42
    Note sparse per altezze forse irraggiungibili rendono tuttavia la notte non più un incubo.

3 commenti:

  • loretta margherita citarei il 17/04/2013 20:12
    bel gioco di parole, bravissimo
  • Mara il 17/04/2013 18:31
    A volte la notte può essere molto ma molto dura da attraversare! Rivedo molte mie notti nei tuoi versi. A dire il vero quasi tutte...
  • karen tognini il 17/04/2013 07:18
    Note.. dai sperando di svegliarsi con una musica celestiale...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0