username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Pioggia silenziosa

L'impetuosa forza
Si scontrava contro la sua portafinestra
Prepotente bussava sul vetro di fronte a lui
Una sola luce fioca di una candela
Quasi consumata
Faceva tremare l'ombra dell'uomo sul pavimento
Come a rispecchiare la sua anima
La sua solitudine
Le nuvole che incombevono
Sempre più scure
Preannunciavano una tempesta
Ma lui restava li fermo in piedi
Assorto nei suoi pensieri
Testa china, mani incrociate
Come a pregare qualcosa
Qualcuno
Che non lo ascoltava
Non era quella bufera in arrivo a fargli paura
Erano la sua rabbia
La sua delusione
Che in silenzio urlavano
E sfociavano in lacrime
Che solo lui conosceva
E la mancata forza di reagire al vortice di tristezza
Che lo stava divorando
Restava li con lui
Per un tempo che sembrava interminabile
Come spesso e'
Il tempo del dolore.

 

4
4 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Centrone Stefano il 29/04/2013 16:38
    La rabbia fa paura, ... si!
    La delusione invece si può riparare.
    Ma ciò che non si può riparare e il dolore.
    Questo dannato dolore, che ogni giorno, costantemente, ci perseguita.
    E nel momento in cui l'uomo rimane assorto nei suoi pensieri: testa china e mani incrociate, in quell'istante, secondo me, a un suo modo di pregare, sempre. Perché il dolore ha già distrutto il suo esser vivo.
    Però, quelle sue preghiere lo aiutano a ricostruire la sua vita, la sua identità.
  • Alessandro il 18/04/2013 19:38
    L'impeto silenzioso, non per questo meno intenso. Il pianto solitario di chi sfoga nell'ombra le proprie sofferenze.
  • Vincenzo Capitanucci il 18/04/2013 15:45
    Ballissima Silvia... come una tempesta arriva il tempo del dolore... entra da una finestra lasciata troppo aperta... e l'uomo con la sua fiamma... sull'ombra del pavimento vacilla...

4 commenti:

  • silvia ragazzoni il 07/05/2013 10:27
    Grazie Carla!... un bacio a te!
  • Anonimo il 07/05/2013 09:39
    il dolore arriva prepotentemente spesso senza preavviso... bella metafora espressa magistralmente... molto intensa e sentita un bacio silvia
  • silvia ragazzoni il 29/04/2013 18:41
    Proprio così Stefano... proprio così!
  • silvia ragazzoni il 18/04/2013 22:24
    Grazie x i vostri bellissimi e apprezzatissimi commenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0