PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'amico porcospino (Il riccio)

Da mesi sai che t'aspettavo o corazzato amico,
or che chiuso l'inverno il tepor de la prima
primavera nuovo risveglio a te ha poi portato

sì or del piatto il tintinnio ancor risuona lì
quando la sera tarda alla notte il passo cede
che da quello di dolce pomo sottil fette sottili

lì da man le mie amiche poste traendo coi tuoi
dentini aguzzi rumor crei spegnendo la rinnovata
fame, poi furbescamente aspetti il mio venire

gli occhietti vispi e quel tipico tuo musino son lì
pare mi par per ringraziare che di me non hai
paura che alla maniera non ti rinchiudi a riccio

riccio, un attimo un istante sol poi mi guardi che
poi ratto ratto velocemente sparisci nel giardino.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Walter Tresoldi il 29/05/2015 21:13
    Navigando tra... gli animali, trovo questa tua poesia.
    Complimenti per il tuo stile, tra Dante e Zanella.
    Complimenti per il soggetto e per la delicatezza con cui lo tratti.

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0