PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il male diabolico

Dopo la misteriosa scomparsa
Dei giorni sacri e fortunati,
La gioia e la felicità
Non ci raggiunge adesso mai.

Ma è inutile che ripeti queste cose
Ai bambini che sanno della scomparsa dei felici giorni,
Dopo la misteriosa morte del signore
Che portava nella disgraziata casa tante emozioni.

Non ti aiuta, e non provare, come lei,
La disperata madre che cercava
Di ingannare proprio i suoi
E diceva ai figli: Vostro padre stasera dorme con voi".

Vivo o morto, chi adesso sa,
Questa vita che è piena di diabolicità?
Se è morto allora la gioia ci abbandona,
Ma se è vivo allora ancora con noi ci resta.

Tutti con il cuore sperano di voi
Come sempre succede con i nostri momentanei sentimenti,
Che lui resta vivo e il destino lo salverà
Anche se esso è senza pietà.

Ma no, vi sbagliate signori miei
Da questo punto tutto va per storto,
E solo adesso mi accorgo che la su in cima
C'è il diavolo che sta guardando su di me.

E ora griderebbero i miei sentimenti con loro
Di disperazione davanti alla diabolica santità
Con combinazione di curva e pendio
Che dovremmo vincere tante volte nella nostra vita.

Ma gridare e piangere in questo caso
Sarebbe sprecare solo il fiato,
Che gia non è molto
Nei nostri fragili polmoni.

Ma il male peggiorava
Nei cuori dei miei famigliari,
Quel male è peggiore dell'alcool
In fine si impadronì anche di me.

 

2
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alessandro il 21/04/2013 21:47
    Una dipendenza che non perdona, un'eterna autodistruzione che colpisce anche gli affetti. Scorcio di sofferenza e smarrimento davvero ben reso.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0