PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

volare al di là del ricordo

Chiudo gli occhi mi ritrovo con la
mente a suo tarli…
intorpidita dal fango che cade giù
la notte dei cristalli di urla e gemiti
che si estendono a monte a valle
da calessi alle campagne fino
agli aerei nel cielo.

Anno 1939 il buio più profondo
Anno 1939 volti di esuli in arriditi
Anno 1939 fantasmi aleggianti tra ore del fondo
Anno 1939 qui gli angeli non volano
Anno 1939 qui si ride nel pianto

Lager rimembrano le mie iridi
andare via in un altro mondo
per non saper fare niente davanti
a tanta disumanità….

perdersi in strade grigie che
hanno perso la purezza di una virtù
che brucia tra le fiamme dell’inferno

continuare a vivere è possibile
ma dimenticare è impossibile..

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 08/08/2007 23:44
    Cero che andare oltre questo tipo di dolore sembra quasi impossibile, poi per fortuna la voglia di andare avanti vince, Brava Francesca

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0