accedi   |   crea nuovo account

Festa

Luci nella città,
rumori dalle giostre,
musica nelle piazze,
balli e canti
ravvivano i cuori dei cittadini,
uniti e spensierati
dai pensieri roventi quotidiani.
Vado nella città sola
e vedo gli innamorati mano nella mano,
a sussurrare parole d'amore
donandosi piccoli baci.
Gioia c'è nel mio cuore,
la solitudine non la sento,
ricordo le nostre risatine
che mi accompagnano
nel cammino della mia vita.
Ho la speranza di riabbracciarti
nel giorno del Regno dell'Amore.
Dobbiamo entrare nel Regno di Dio
attraverso molte tribolazioni.
La tribolazione produce perseveranza.
La perseveranza produce la speranza.
La speranza non produce la delusione perchè
l'amore di Dio regna nei nostri cuori,
rendendoci eterni.
Questa è la promessa del Re dei Re,
del Signore dei Signori.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • simona bertocchi il 23/08/2007 21:09
    Questa poesia-preghiera che fonde lo spirito con il corpo mi piace molto.
    Simona
  • Ugo Mastrogiovanni il 16/08/2007 17:29
    La poesia non è solamente quella che siamo abituati a leggere, a volte, il variare del gusto come in questo caso, suggella in versi il valore della preghiera.
  • Claudio Amicucci il 08/08/2007 16:00
    Posso farti una domanda? Sei cattolica o credente? Perché la festa i piazza ha poco a che vedere col Regno di Dio. Comunque scrivi abbastanza bene e sai descrivere in versi quello che senti. A rilrggerti. Ciao Claudio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0