username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Da Apollo d'oro ad un legarmi a Te infinito Amore

Son nato
prima che bruciasse la biblioteca d'Alessandria d'Egitto e gli sterpi si rivoltassero contro le aiuole del cielo

son nato
fra le radici di un libro quando la carta fu legno vivo scampato al metallo della scure

son nato quando le ciglia della notte lacrimarono una stella incidendo con luce le labbra del sonno

son nato
nei Tuoi occhi
sacerdotessa di un fuoco mai estinto per vederti danzare fra le fiamme del mondo

son nato
più volte

in ogni mitico ricordo

quando il sapere aveva un sapore d'Amore abbracciante l'infinito in una pozza di rugiade

nel silenzio puntellato ad un Atelier stellato di poeti transitanti con specula indagante il perché di ali spezzate fra specchi in becchimi di sole

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

Quando sono "dentro" i miei quadri, non sono pienamente consapevole di quello che sto facendo. Solo dopo un momento di "presa di coscienza" mi rendo conto di quello che ho realizzato... J. Pollock...


7
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 26/04/2013 17:21
    Come al solito meriti lo plauso de lo Magno per questa tua eccelsa.

6 commenti:

  • Ada Piras il 26/11/2014 14:42
    I tuoi quadri piccoli o grandi che siano sono il tuo universo che si materializza.
  • - Giama - il 27/04/2013 08:26
    Quando si è dentro ciò che si scrive, si sente, si respira in ogni verso...
    a volte si prova a trattenere il respiro per immergersi e calarsi nelle profondità di se, poi di nuovo su e respirare a pieni polmoni e godere dell'oro del sole!
    Grandissimo Vnce!
    Ciao
    Gia
  • gio porta il 26/04/2013 17:22
    Io, espressione astratta di vernice in movimento, sono nato per essere ed esserci, per portare il contributo dei miei colori su questa tela che è la vita.
  • Anonimo il 26/04/2013 15:03
    il cuore che scrive... parole dettate da un inconscio che ribolle e tira fuori ricordi e materiale (archetipi) di un mondo d'amore... una più bella dell'altra...
  • Alessandro il 26/04/2013 13:06
    Cascata di parole senza filtri, un'automatismo psichico che si riversa sulla carta, guidato dall'istinto.
  • Vincenzo Capitanucci il 26/04/2013 09:59
    L'ermeneutica di Apollodoro

    Siamo nati da un Cultura che sta crollando nell'ignoranza... da una splendida Natura che stiamo devastando... da un Amore che si sta spegnendo... siamo nati da una memoria divina caduta nell'oblio... e ci domandiamo se siamo figli di una illusione di un mito o di un Pollok..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0