username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Fin le avverse stelle

Fin le avverse stelle, o Zefiro sereno,
che infiocchi i campi di purpuree gemme
e accompagni con delicata mano
l'arte e l'incanto di Clori tua sposa,
conduci questo canto sì lontano
che l'odano ancora quei taciturni astri,
fa che questi versi non l'abbia scritti invano.

Brezza del crepuscolo che dolce e lieve spiri
e per mano porti questo stanco e scuro sole,
in te si sciolgono i miei sospiri,
a te sola affido quel che sento
quel che tengo chiuso e ascoso nel petto
ora che già l'oro cede all'argento,
e l'anima freme ancora in flebili respiri.

Va da lei, mio Zefiro, leggiadro e lento,
raccogli il profumo dei fiori migliori
posati delicato e attento a non destarla,
su i suoi occhi già avvolti dal sonno
che quali nuove stelle nel cielo
questa valle e questo oscuro velo
ridipingono di nuovi colori.

Non altra luce a illuminarmi ancora
verrà, e non v'è cura a quel che si vuole
che possa lenir gli affanni e la sventura
ch'ovunque per cielo e terra si va cercando
nessun lume somiglia alla luce del sole.
Amate, voi che volete, voi che potete
amar che amor vi si concede.

 

4
7 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 30/04/2013 02:55
    Uno stile d'altro tempo che raccoglie ne lo scrigno de la vita il sentimento d'amore...
    SEQUELA DILIGENTEMENTE LASCIATA...

7 commenti:

  • augusta il 23/05/2013 15:12
    che dire... mi siedo a teatro... poltrona centrale e aspetto che l'attore... inizi e m'incanti dei tuoi versi... 1 beso...
  • Arcturus il 02/05/2013 12:33
    Grazie di cuore Paola, e grazie a tutti.
  • Anonimo il 30/04/2013 18:13
    Sono d'accordo con Alessandro. I tuoi versi struggenti mi hanno incantato.
    Se hai davvero 24 anni, debbo dire che sei proprio bravo.
  • Arcturus il 30/04/2013 15:46
    Grazie a tutti
  • Alessandro il 29/04/2013 23:44
    Linguaggio ricercato, un lamento sofferto che esorta a godere d'amore chi l'amore può viverlo. Necessita di più letture.
  • stella luce il 29/04/2013 21:16
    Adorabili versi... che questi versi nn siano stati scritti invano...
  • gio porta il 29/04/2013 19:55
    Un vento che mi ha portato un fresco profumo di fiori. Mi piace.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0